Il Portale dedicato all'albo dei Fisioterapisti online

Sindrome della cuffia dei rotatori

LA SINDROME DELLA CUFFIA DEI ROTATORI
Prevenzione e cura in Fisioterapia e Riabilitazione
M. Musorrofiti – V. Gallarino 

La fisioterapia della spalla nella sindrome della cuffia dei rotatori si è evoluta molto negli ultimi anni. La fisioterapia oggi permette di ridurre notevolmente il ricorso all’intervento chirurgico, grazie a tecniche riabilitative sempre più efficaci che permettono un pieno recupero dell’arto leso.

La spalla è una delle articolazioni più complesse del corpo umano. Ricordiamo che è composta da due articolazioni, la gleno-omerale e la acromion-claveare, che vengono stabilizzate da dei legamenti e da dei muscoli che permettono alla spalla di compiere dei movimenti nello spazio in una sincronia a dir poco perfetta! Entrando nello specifico la cuffia dei rotatori non è altro che un grosso tendine composto dall’unione di quattro muscoli: sovraspinoso, sottospinoso, sottoscapolare e piccolo rotondo. La funzione di questo tendine è quella di aiutare a sollevare e ruotare il braccio e di stabilizzare l’articolazione della spalla.

La prima precisazione che bisogna dire è che ci possono essere vari gradi di lesione e che la rottura di questo tendine può essere parziale o totale. L’atto riabilitativo è sicuramente più indicato nelle lesioni parziali.

sindrome della cuffia dei rotatori

Cosa mi può causare una sindrome della cuffia dei rotatori?
Principalmente sono due le cause che provocano questa patologia: la lesione diretta e la degenerazione da sovraccarico (movimenti ripetuti con carico o deformità ossee).

Che tipo di sintomatologia può dare?
Il primo sintomo riferito è il dolore notturno, soprattutto quando si dorme sul lato della spalla malata. Si ha inoltre dolore durante il movimento del braccio, soprattutto raggiungendo determinati gradi in abduzione ed elevazione. Infine si ha una notevole diminuzione della forza muscolare di tutto l’arto interessato.

Che tipo di esercizi sono indicati in una fase acuta?
In una fase acuta bisogna effettuare un lavoro nel pieno rispetto del dolore. Non bisogna “forzare” troppo l’articolazione ma bisogna indurre stimoli con energie fisiche evolute per cercare di ridurre l’infiammazione nei tessuti della spalla. Possono essere utilizzate terapie come la laserterapia, campi elettromagnetici, la tecar o diatermia.

Laserterapia spalla

Horizontal Therapy Spalla

E invece nella fase post-acuta?
In questa fase bisogna cercare di recuperare l’escursione articolare, la forza muscolare e la coordinazione del gesto motorio, andando a svolgere esercizi propriocettivi specifici.

Ci possono essere delle recidive?
Si, possono esserci, soprattutto se nella la prima fase acuta non si è affrontata una terapia adeguata o se la seconda fase di recupero e di mantenimento è stata affrettata o affrontata in modo sbagliato. Un corretto iter riabilitativo riduce di molto le probabilità che si ripresenti il dolore e la problematica.

Quando ricorrere alla chirurgia?
Quando l’approccio conservativo, superati diversi mesi, si dimostra inadeguato o insufficiente e se il danno muscolo-scheletrico è importante come nel caso di rottura tendinea completa.

Dott. Marco Musorrofiti – Fisioterapia e Riabilitazione Roma Prati- Via Crescenzio 107 Roma
Dott.ssa Viola Gallarino – Fisioterapia e Riabilitazione Roma Prati- Via Crescenzio 107 Roma

Similar posts
  • Il Mal di Schiena non si cura con il ... di M. Musorrofiti , C. Visciano Anzi alcune volte peggiora la situazione , ecco perché bisogna trovare delle alternative Viene spesso come primo rimedio contro il mal di schiena e l’artrosi, ma in realtà il paracetamolo sarebbe inefficace sia in termini di riduzione del dolore sia in termini di miglioramento della qualità della vita di [...]
  • Mal di schiena : la fisioterapia vinc... di M. Musorrofiti – C.Visciano La fisioterapia sta facendo passi da gigante . Certo, va sottolineato, che in alcuni è necessario percorrere esclusivamente la strada chirurgica , poiché vi sono alcune situazioni in cui l’intervento conservativo non riesce a incidere sulla problematica in questione , ma con questo articolo intendiamo affrontare nuovi approcci riabilitativi sempre [...]
  • Come curare la Fascite Plantare Fisio... di Marco Musorrofiti La fascite plantare si verifica quando la banda spessa di tessuto sulla parte inferiore del piede (la fascia plantare) è troppo tesa o stressata dal troppo carico. Viene riscontrata soprattutto agli sportivi ( prevalentemente attività di corsa ). La principale causa è data da una serie di sovraccarichi sulle strutture del piede [...]

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Saluteschiena.com

Facebook