Rinvio a giudizio e processo dopo un anno di carcere per Roberto Benatti, fisioterapista senza titoli che abusava e fotografava suoi pazienti uomini narcotizzati. Il sedicente fisioterapista narcotizzava vari suoi pazienti, tutti uomini, per poi abusarne sessualmente, con la scusa di manipolazioni sulla parte lombare della spina dorsale che avrebbero dovuto alleviarne le sintomatologie dolorose. Le vittime sarebbero oltre 150. Il pm aveva ipotizzato la violenza sessuale aggravata dall’uso di farmaci e della riduzione all’incapacità di intendere e volere delle vittime; e la truffa, legata all’esercizio della professione medica senza i debiti titoli. Si è indagato poi anche sulla provenienza dei farmaci stessi e sugli aspetti fiscali: secondo le testimonianze udite in aula l’uomo non rilasciava ricevuta, a fronte di pagamenti sostanziosi in contanti. Nel suo studio, la sera dell’arresto, i Carabinieri avevano trovato, appunto in contanti, circa 10.000 euro. Benatti aveva uno studio anche a Belluno.