Consigli pratici ed esercizi da eseguire a casa per combattere o prevenire la lombalgia

La lombalgia  è il dolore muscoloscheletrico più frequente e disabilitante al mondo, con una incidenza, nel corso della vita, di 58-84%.
La maggior parte delle volte parliamo di lombalgia aspecifica, quando non è riconducibile ad una causa precisa, poiché spesso si parla di eziologia multifattoriale del problema. Solo in una piccola percentuale dei casi il dolore alla schiena è riconducibile ad un fattore specifico o ancora più raramente ad una condizione che richiede una urgenza medica.

Sempre più italiani soffrono di mal di schiena e questa condizione dolorosa viene definita  cronica se persiste per un tempo di oltre sei mesi. Noi fisioterapisti dobbiamo impedire che la condizione si cronicizzi e il nostro strumento più importante è l’educazione all’attività fisica.

Fare gli esercizi è fondamentale per tenere sotto controllo il mal di schiena.

Gli esercizi hanno lo scopo non solo di rinforzare i muscoli ma anche di aumentare l’ampiezza del movimento articolare, migliorare la precisione e la sicurezza del movimento. Molti esercizi  possono anche essere eseguiti a casa. La letteratura scientifica ci dice che non esiste un esercizio migliore dell’altro o più efficace per il trattamento del mal di schiena. Qui di seguito sono descritti tre esercizi di mobilità del rachide toraco-lombare che puoi eseguire in autonomia:

Esercizio 1

Nella posizione di partenza il corpo è seduto, ginocchia piegate e braccia tese in avanti.

 

Nell’esecuzione curvare le spalle in avanti e poi spingerle indietro il più possibile, senza perdere l’equilibrio.

Ripetere l’esercizio

Esercizio 2

Nella posizione di partenza il corpo è sdraiato a pancia in su e le ginocchia sono piegate.

Nell’esecuzione contrarre i muscoli addominali, spingere la zona lombare a terra, portando le gambe piegate al petto.

Tornare alla posizione di partenza sollevando leggermente la zona lombare.


Esercizio 3

Nella posizione di partenza il corpo è sdraiato a pancia in giù, gambe tese, mani sotto la fronte.

Nell’esecuzione allungare una gamba come per allontanare il piede

poi tirare la gamba verso il corpo senza piegare il ginocchio.
Ripetere con l’altra gamba.

 Alcuni consigli prima di fare gli esercizi:

-eseguire gli esercizi lentamente associandoli alla respirazione;

-se un esercizio ti provoca forte dolore va sospeso. E’ importante che tu sappia che avvertire un dolore sopportabile durante l’esercizio non equivale a danneggiare la tua schiena. Spesso un dolore persiste anche in assenza di un danno tessutale in atto.

– consulta il tuo  fisioterapista per durata e frequenza degli esercizi. Solitamente, è considerato adeguato ripetere 5-10 volte lo stesso esercizio.

Referenze

GBD 2015 Disease and Injury Incidence and Prevalence Collaborators. Global, regional, and national incidence, prevalence, and years lived with disability for 310 diseases and injuries, 1990-2015: a systematic analysis for the Global Burden of Disease Study 2015. Lancet 2016;356:1545-602.

Parson S, Ingram M, Clarke-Cornwell AM, Symmons DPM. A Heavy Burden The occurrence and impact of musculoskeletal conditions in the United Kingdom today. Arthritis Research UK Epidemiology Unit, 2011, www.escholar.manchester.ac.uk/uk-ac-man-scw: 123774.

 

A cosa serve Lasonil Antinfiammatorio- Antireumatico