In questo articolo spiegheremo come una postura errata davanti ad un computer può portare ad avere mal di schiena. Consigli utili per chi lavora alla scrivania.

Quando si parla di mal di schiena, in genere, si fa riferimento a un disturbo molto comune.

Come sappiamo tutte le vertebre sono interamente correlate tra di loro, stare seduti in maniera non corretta potrà causare un sovraccarico non solo delle vertebre lombari ma anche di quelle dorsali e cervicali.

Viceversa la presenza stessa di dolori a livello del collo può indurre a mantenere posizioni non corrette che si ripercuotono anche sulla zona lombosacrale della colonna vertebrale.

Nonostante la stretta correlazione tra il mal di schiena con le attività lavorative, non sempre è possibile determinare la causa esatta del dolore. Le cause che determinano l’insorgenza di questo disturbo sono molteplici e a queste si associano anche dei fattori di rischio, tra cui principalmente una postura scorretta. 

Piccoli consigli per chi lavora alla scrivania

Il mantenimento di una postura corretta è fondamentale per la prevenzione della lombalgia.

Quando si lavora quotidianamente seduti al computer, si è talmente tanto concentrati sul lavoro che si tende a trascurare l’ergonomia della postazione. A chi non è mai capitato? Durante la giornata è necessario mantenere il più possibile la schiena in posizioni fisiologiche, al fine di evitare stress muscolari e scheletrici, intensi e/o ripetuti.

Ai fini della prevenzione, bisogna fare attenzione a quelle posizioni che impongono torsioni innaturali del collo. La posizione maggiormente consigliata è quella frontale con la linea degli occhi all’altezza del display, garantendo l’appoggio degli avambracci sul piano di lavoro e una distanza tra gli occhi e il monitor di 50 -70 cm; in questo modo sarà possibile evitare di sforzare eccessivamente i polsi e la vista.
Alle prime avvisaglie è opportuno farsi controllare da un fisioterapista per una attenta valutazione ed un trattamento adeguato.

Di seguito, un elenco di suggerimenti da ricordare:

  1. Mantenere la schiena, le spalle e il collo allineati, perpendicolari al terreno.
  2. Utilizzare sedute rigide, con conformazione anatomica/ergonomica o cuscini sagomati per sostenere la schiena
  3. Preferire sedie e poltrone non troppo basse e con braccioli per appoggiare gli avambracci, in modo tale da scaricare la tensione dai muscoli delle spalle, del collo
  4. Evitare di restare seduti troppo a lungo, camminando un po’ ogni tanto e facendo esercizi per distendere i muscoli di spalle e schiena.