Il Portale dedicato all'albo dei Fisioterapisti online

La nostra riabilitazione nel parkinsionano

La nostra riabilitazione nel parkinsionano
V. Gallarino – M. Musorrofiti

Parkinson

Che cos’è la malattia di Parkinson?

Il Parkinson è una malattia dell’età presenile e senile che rientra nel gruppo di patologie definite “disordini del movimento” o parkinsonismi.

La disfunzione extrapiramidale, che sta alla base della malattia di Parkinson, è provocata da una neuro-degenerazione che avviene nella Pars Compacta della Sostanza Nera, situata nel mesencefalo, con conseguente diminuzione della dopamina, importante neurotrasmettitore che controlla i movimenti del corpo. Il decremento della dopamina comporta a cascata una serie di alterazioni che coinvolgono i Gangli della Base, implicati, oltre che nella regolazione del movimento, anche nel controllo delle funzioni cognitive.

I sintomi clinici motori riscontrabili sono: tremore a riposo, rigidità posturale, bradicinesia (lentezza nei movimenti) e instabilità posturale.

 

 

Quali possono essere i campanelli d’allarme della malattia di Parkinson?

 La diagnosi precoce, grazie al riconoscimento dei sintomi d’esordio della malattia del Parkinson, è fondamentale per iniziare una terapia tempestiva. Possono essere presenti sintomi sfumati, spesso non motori, come i disturbi del sonno, la perdita o la diminuzione del senso dell’olfatto e del gusto, stipsi, amimia facciale, micrografia, abbassamento della voce, disartria, cambiamenti di personalità.

Quando compaiono i sintomi quali rigidità e tremore la malattia si trova in uno stadio già avanzato, occorre dunque imparare a riconoscerla in tempo.

E’ inoltre importante la diagnosi differenziale tra malattia di Parkinson e altre forme di parkinsonismo, in particolare quello atipico, che comprende l’atrofia multisistemica (MSA), la paralisi sopranucleare, la degenerazione corticobasale, la demenza da corpi di Lewy e il parkinsonismo vascolare. Nei parkinsonismi secondari è riconoscibile una o più cause che hanno portato alla compromissione extrapiramidale: iatrogena, da trauma, da intossicazione, da idrocefalo normoteso.

 

Si guarisce dal Parkinson?

 Non si guarisce dal Parkinson, però si può tenere sotto controllo la sintomatologia dal punto di vista farmacologico e fisioterapico.

 

 Per la rigidità? Esercizio fisico e stretching!

 Le disfunzioni del Sistema Nervoso Centrale provocano un progressivo irrigidimento delle strutture muscolari. La rigidità è uno dei sintomi più diffusi e invalidanti e colpisce prevalentemente i muscoli antigravitari, mimici e della lingua.

Esercizi di allungamento opportunamente eseguiti da un fisioterapista, associati a esercizi di auto-allungamento sono indispensabili per contrastare e prevenire il fenomeno della rigidità. Un muscolo o una catena muscolare rigida provoca disallineamenti e alterazioni posturali, oltre a dolore, andando a peggiorare l’assetto posturale già compromesso in questa patologia.

In riabilitazione usiamo far svolgere esercizi di allungamento globale decompensato con l’ausilio di una panca posturale che permette un allungamento a catena cinetica chiusa (panca Fleximat). All’allungamento è sempre opportuno associare esercizi di respirazione diaframmatica.

Un’altra terapia efficace per contastare la rigidità muscolare è la Vibration Sound System (VISS) che utilizza vibrazioni meccano-sonore e alla frequenza di 120 Hz permette una normalizzazione del tono muscolare andando a decontrarre i fasci muscolari interessati.

parkinson rigidità

Rieducazione al cammino e riallineamento posturale

 Le alterazioni della deambulazione nel parkinsoniano riguardano la velocità e l’ampiezza del passo, la coordinazione e l’equilibrio. Tipico del parkinsoniano è il cammino a piccoli passi, con una inclinazione del tronco anteriore (camptocormia) o laterale (Sindrome di Pisa). E’ necessario attuare un programma riabilitativo che comprenda una rieducazione al cammino, in modo da diminuire il rischio di cadute. La fisioterapia offre tante opportunità terapeutiche: noi utilizziamo un sistema microgravitario chiamato SPAD (Sistema Posturale Antigravitario Dinamico) che permette di porre il paziente in allevio corporeo, armonizzarlo dal punto di vista posturale e farlo camminare su un tapis roulant, anche con l’ausilio di un feed-back visivo, per simmetrizzare il più possibile il passo.

 

Il ruolo della Riabilitazione Neurocognitiva nel Parkinson

I Gangli della Base, oltre ad essere implicati nella regolazione del movimento, sono coinvolti nelle operazioni cognitive, nella propriocezione e nell’apprendimento di compiti sensomotori, insieme al cervelletto e alle strutture corticali.

L’approccio Neurocognitivo tiene in considerazione l’aspetto motorio e cognitivo del paziente, tra cui la percezione, l’attenzione, la memoria e il linguaggio proponendo esercizi riabilitativi specifici.

 

Quindi come può aiutare la riabilitazione?

 E’ importante nel Parkinson conciliare la terapia farmacologica con un programma riabilitativo mirato e personalizzato, con lo scopo di prevenire i danni secondari della patologia e di alleviare alcuni sintomi.

La fisioterapia può aiutare a migliorare aspetti della motricità, delle funzioni cognitive e relazionali.

viola gallarino
Dott.ssa Viola Gallarino
Via Crescenzio 107 ( angolo Piazza del Risorgimento )
00193 Roma
www.fisioterapiaroma.info
www.corpo53.it

Marco Musorrofiti
Dott. Marco Musorrofiti
CORPO53 Firenze – Roma – Napoli
Fisioterapia Roma Prati
Via Crescenzio 107 ( angolo Piazza del Risorgimento )
00193 Roma
www.fisioterapiaroma.info http://www.fisioterapiaroma.info
www.corpo53.it

 

Similar posts
  • MI DISPIACE DIRTELO MA I NERVI NON SI... Sfatiamo un mito: i nervi non si accavallano. È oramai risaputo a livello scientifico che i nervi stanno nella loro sede di competenza senza fare alcuna contorsione. Quello che accade davvero è un’infiammazione derivata dall’eccessiva contrazione muscolare provocando un cosiddetto “trigger point” muscolare. I punti maggiormente interessati sono il trapezio, collo, lombare, gluteo e arti inferiori [...]
  • DOLORE AL TALLONE : COME CURARE LA SP... di V. Gallarino – M. Musorrofiti . La spina calcaneare è una proliferazione ossea benigna, o esostosi, che si viene a formare sul calcagno, sotto il tallone. Origina in seguito a trazioni ripetute esercitate dal tendine d’Achille o dalla fascia plantare sul periostio che causano delle microlesioni e che favoriscono la neoformazione di tessuto osseo. [...]
  • Il Mal di Schiena non si cura con il ... di M. Musorrofiti , C. Visciano Anzi alcune volte peggiora la situazione , ecco perché bisogna trovare delle alternative Viene spesso come primo rimedio contro il mal di schiena e l’artrosi, ma in realtà il paracetamolo sarebbe inefficace sia in termini di riduzione del dolore sia in termini di miglioramento della qualità della vita di [...]
  • Denti e Postura : un connubio impresc... di M. Musorrofiti e C. Visciano  Hai fatto degli interventi per migliorare i tuoi denti e poi hai notato ( o ti hanno fatto notare ) delle modifiche alla tua postura ? Ebbene si , oramai è scientificamente provato che la bocca non è un apparato a se stante ma interagisce con il resto della [...]
  • Mal di schiena : la fisioterapia vinc... di M. Musorrofiti – C.Visciano La fisioterapia sta facendo passi da gigante . Certo, va sottolineato, che in alcuni è necessario percorrere esclusivamente la strada chirurgica , poiché vi sono alcune situazioni in cui l’intervento conservativo non riesce a incidere sulla problematica in questione , ma con questo articolo intendiamo affrontare nuovi approcci riabilitativi sempre [...]

Nessun commento ancora

Lascia un commento

Saluteschiena.com

Facebook